1 2 3 - Gibb River Road & Kakadu 4 5 6 7

Sun Sep, 9

PER/BME 

drive Great Northern Hwy

      Pearl Farm

      Boa'b Prison Tree

dinner in Derby

Derby

Si arriva a Broome alle 9.15. Si prende la macchina (Toyota Land Cruiser) che è un vero e proprio fuoristrada con snorkel e kangaroo bumper: però non c'è l'indispensabile seconda ruota di scorta ed il baule non si apre. Durante la breve obbligata sosta nell'officina Hertz facciamo la spesa dove veniano fulminati dalla vista di un contenitore in polistirolo che, con due siberini, potrà mantenere fresche le provviste al seguito. Non sappiamo ancora che le vibrazioni durante la marcia gli faranno emettere lamentosi stridii come quando si uccide un maiale: diventata subito la maiala sarà la cosa più utile di questa lunga tappa come frigorifero ma anche come supporto negli autoscatti e, soprattutto, come indicatore della durezza, quantità e durata dei sobbalzi dei tratti sterrati. Subito un'altra sosta in un attraente centro commerciale. Dovremo stare in macchina per nove giorni ma il rigido approccio trappista delle nostre mancate dietologhe fa lesinare sull'acquisto di leccornie varie arrivando a farci rimettere sugli scaffali articoli già scelti e depositati nel carrello: scopriremo poi che dovremo accontarci di vineagrette tuna fish e di fat free ham che sono poco attraenti nel nome e terribili nel sapore. Subito una sosta alla Pearl Farm dove però, non capendo niente di perle, per fortuna compriamo pochissimo. La deviazione serve però per mettere a punto il rapporto con lo sterrato e a capire che siamo molto vicini all'equatore: mare turchese, sabbia bianca e sole abbacinante. Spuntino del pellegrino. Si riparte verso Derby in una strada circondata dalla savana dove l'unica attrattiva sono i bao'b tree. Vicino a Derby il più famoso si dice usato anche come prigione (in realtà era usato come punto di riferimento per la sua facile riconoscibilità ma sicuramente ha visto turpi storie del passato coloniale). Arriviamo a Derby e alloggio al Derby Boa'b Inn. Il tropico si vede e si sente nel sole e nell'umidità. Cercando il ristorante Wharf Restaurant at the Jetty apprezziamo un meraviglioso tramonto ed un'ottima cena sul jetty. Purtroppo la marea di oltre 9 metri (sic!) è intorno alla mezzanotte e qui le luci sono veramente poche per vederla. In compenso mentre mangiamo all'aperto ci ricordano gentilmente che è vietato fumare: siamo solo noi nel ristorante e c'è una bella brezza ma Angela deve spostarsi nella zona per fumatori a pochi metri dal nostro tavolo.

Totale Km 347

Mon Sep, 10

drive Gibb river Road

Windjana Gorge

      Mt Hart

Mt Hart

Ci svegliamo per tempo (non vuole dire niente se non che dormiamo fino quasi alle 8). Attrezziamo tutto per i tropici e da veri white hunter partiamo verso la mitica Gibb River Road con camicie tecniche (chissà che vuol dire) e pantaloni accorciabili (molto utili per le paludi ma attraverseremo zone semidesertiche). Strada subito aggressiva con polvere e sobbalzi. Impareremo poi che alla velocità di 60 km/h si può raggiungere un buon confort di marcia in contropartita alla totale perdita di controllo del veicolo ma su queste strade dritte è un buon affare. Prima sosta alla bellissima Windjana Gorge che si raggiunge attraversando una pittoresca strettoia nella roccia. Sabbia, alberi e coccodrilli in una gola dove scorre pigramente dell'acqua. Scenario da cartolina. Il caldo si fa sentire. Si prosegue ancora mentre lo sconnesso fondo sterrato continua a farsi notare. La maiala impazza. Scavalchiamo alcuni range, una montagna che sembra essere il profilo della Queen Victoria ed eccoci alla deviazione per Mt Hart. Ci sarebbe un telefono per annunciarsi (la station è 51 km più oltre) ma non funziona. Proseguiamo su una bellissima strada che alterna falsopiani a ripidi greti di torrenti. Si arriva nello splendido alloggio di Mt Hart Wilderness senza vetri ma con zanzariere alle finestre. Bagno nel billabong e cena stile safari africano cioè tutti intorno allo stesso tavolo. Ci raccontano di aver forato il giorno prima con una macchina come la nostra. Ci avvertono anche che sentiremo tutti i rumori del bush: in realtà dormiamo come ghiri fino a poco prima dell'alba quando il gallo della station decide di svegliarci tutti.

Totale Km 296

Tue Sep, 11

drive On the road

Bells Gorge

Galvans Gorge

Mt Elizabeth

Sveglia con tifo scatenato in favore del dingo che insegue il gallo che però si rifugia su un albero sbefeggiandoci tutti. Si ripercorrono i 51 km verso la Gibb River Road poi si va fino alla deviazione per Bells Gorge. Ci aspetta una terribile strada sterrata: più di un'ora e un quarto per i 29 km dell'andata e altrettanto per il ritorno. Qualcuno dice che un'alta pressione dei pneumatici toglie elasticità causando forature mentre una bassa pressione favorisce i tagli contro le pietre nei solchi: noi pensiamo che andare piano sia la ricetta giusta e continuiamo senza danni nè forature. Bella passeggiata al Bells Gorge e splendida cascata su tre livelli. Bagno nella pozza superiore. Nella fase di ritorno Nanda inciampa e cade rovinosamente. Per fortuna le gambe sono sane: Nanda lamenta solo (si fa per dire) una dolorosa fitta alle costole. Sosta a Imintji Store per gasolio e caffè. Questo è una località davvero remota. Sole, caldo, polvere e mosche. Ci orientiamo solo in base ai chilometri percorsi, ai guadi che incontriamo ed alle rare deviazioni verso remote station. Sosta alla Galvans Gorge dove un maestoso anfiteatro semicircolare fa cornice alla lussureggiante vegetazione. Si prende la deviazione per Mt Elizabeth mentre il sole comincia ad abbassarsi. Arriviamo all'imbrunire. Cena nella station insieme a Pat, prosperosa e chiaccherona proprietaria della station. Non c'è molta vita alla sera ma siamo stanchi e alla Nanda fa male tutto. Durante la cena l'olandese della foratura già incontrato a Mt. Hart ci spiega che quelli che vediamo volare da qualche giorno sono dei nibbi australiani (white kite e whistler kite).

Totale Km 294

Wes Sep, 12

 drive Gibb river Road

Home Valley Station

Sveglia all'alba per chi non ha sonno con wallaby e cavalli. Si prosegue attraversando alcuni range. Al guado del Durrack River una nuvola di polvere rivela l'olandese che restituisce la sveglia dimenticata da Roberto alla station. Segue pasto del pellegrino in riva al Durrack River ridotto a pozze d'acqua. Si incontrano dei road train e si arriva in vista dello spettacolare Cockburn Range che dovremo aggirare l'indomani e del Pentecost River da guadare (sempre l'indomani). Arriviamo abbastanza presto a Home Valley Station ed indugiamo volentieri in piscina con birra e sigarette. Alloggiamo in eleganti e ben progettate cabin la cui veranda si protende verso un lussureggiante creek pieno di piccoli coccodrilli d'acqua dolce. Pasto abbondante e gustoso anche se un pò naif. L'olandese degli uccelli e la moglie sbraitano con un'altra coppia olandese ed è inutile alzare ripetutamente il volume della musica country che doveva essere di sottofondo. Ci allontaniamo verso le nostre cabin con malcelato disprezzo.

Totale Km 280

Thu Sep, 13

 drive Gibb river Road

      El Questro

Zebedee Hot Springs

Emma Gorge

      drive Gibb River Road

      drive Victoria Hwy

Kununurra

Sveglia tranquilla e via verso il mitico guado del Pentecost River che attraversiamo con acquisita sicurezza della guida off road. Andiamo ad El Questro. Un pò Disneyland un pò Las Vegas. Nessuna possibilità di crociera sul Chamberlain River saturato dai viaggi organizzati. Per fortuna le calde sorgenti termali Zebedee Hot Springs sono veramente belle. Viene poi la camminata di quasi un'ora per raggiungere Emma Gorge. Una provvidenziale temporanea nuvolosità ci aiuta. Ne vale la pena anche se nell'eccitazione Roberto fa cadere una lente filtro della macchina fotografica che si scheggia senza però oggettiva rilevanza sulle foto. Leo per la seconda volta nella giornata viene scambiato per un tedesco e decide una radicale revisione del look. Dopo poco termina la Gibb River Road e si torna sulla strada asfaltata. Noi e la maiala proviamo già rimpianto ma andare sull'asfalto è davvero un'altra cosa. Abbiamo fatto più di 850 km di sterrato e qualcosa ti rimane dentro. Arrivo a Kununurra e ritorniamo subito nel lusso alloggiando al Country Club Plaza Resort. Per la cena, dopo bagno in piscina, cerchiamo il ristorante consigliato da Lonely Planet ma non c'è più. Rimediamo comunque con ampia soddisfazione in albergo.

Totale Km 179

Fri Sep, 14

 BungleBungle  

drive Victoria Hwy

      la maiala al picnic

Katherine

Quando ci sono aerei da prendere la sveglia deve essere antelucana: alle 05.30 ci vengono a prendere per il un volo panoramico sul Bungle Bungle e quindi sveglia alle 05.00. Il giro è molto bello purtroppo le foto non rendono la bellezza del panorama. Roberto saggiamente non fa foto. Tornati in albergo dopo una ricca colazione si parte per Katherine in una tranquilla tappa di trasferimento su strada asfaltata. Leo dimentica i siberini nel frigo dell'albergo. Picnic vicino ad un billabong ma restando all'erta per i coccodrilli. Arrivo a Kathrine al Knotts Crossing Resort nel pomeriggio e di nuovo relax in piscina: i tempi di Kalbarri o della Gibb River Road sono lontani e ci stiamo imborghesendo nell'ozio e nel lusso...

Totale Km 530

Sat Sep, 15

Nitmiluk Gorge

drive Stuart Hwy

      drive Kakadu Hwy

      Gunlom Falls

Cooinda

Ci svegliamo presto e andiamo a fare la crociera sul Nitmiluk Gorge. Bella anche se un pò abusata dal turismo. Lasciamo Katherine una certa inquieta perplessità sul reale uso degli strumenti aborigeni  mostrati sulla barca e viaggiamo verso nord e verso il Kakadu Park. Ci entriamo e andiamo subito a Gunlom Falls (un pò di strada sterrata ci continua a far sognare). Bello bello bello anche se rinunciamo a salire in alto: c'è troppo caldo. Il lago inferiore è pieno di barramundi e di pandanus. Andiamo infine a dormire nel Gagadju Lodge Cooinda non senza un passaggio dal bellissimo centro culturale degli aborigeni ed una sosta meno culturale in piscina. Va detto che siamo senza più speranza in una zona sfruttata dai viaggi di nozze, sfruttata dai viaggi degli anziani, sfruttata e basta.

Totale Km 389

Sun Sep, 16

Yellow Waters

drive Kakadu Hwy

Nourlangie Rock

Ubirr

Jabiru

Sveglia all'alba per andare a Yellow Waters. Eccezionale. I colori sono belli, gli animali sono pochi ma si fanno vedere, gli uccelli sono onnipresenti e i coccodrilli non si nascondono. Andiamo a Nourlangie Rock a vedere i dipinti aborigeni. Assistiamo all'esibizione di una guida romanesca sul ciclo vitale dei coccodrilli e andiamo con una prima passeggiata su un cucuzzolo roccioso reso incandescente dal sole poi, non contenti, camminiamo un'ora buona nel bush per raggiungere altri dipinti rupestri dove la nostra  soddisfazione, comunque alta, è mitigata dal caldo soffocante dell'assolato percorso definito nella guida come shady walk. Torniamo alla civiltà senza neanche la forza per lo spuntino del pellegrino. Arriviamo in albergo a Jabiru per un indispensabile ristoro nel Gagudju Lodge Crocodile Resort. Ripartiamo alle 5 pm per andare a vedere il tramonto da Ubirr. Grande. Bel panorama sull'estuario del East Alligator River, magnifici dipinti rupestri, rigogliosa vegetazione tropicale (siamo a 12° Sud), straordinario tramonto sulle paludi del Magela Plain. Rientriamo a Jabiru e ci accorgiamo dello sfruttamento turistico durante l'estenuante attesa di un tavolo nel buffet che, nonostante fosse prenotato per le 7.30 e ci fossero tavoli non occupati, ci viene dato solo alle 9. Nanda si spazientisce. Leo telefona. Roberto si preoccupa solo che non finisca il dolce. Angela tace ma è nervosa. Alla fine mangiamo neanche male ma la soddisfazione sul servizio è ai minimi storici.

Totale Km 176

Mon Sep, 17

drive Arnhem Hwy

      Mamukala

      Jumping Crocodile Cruise

dinner in Darwin

Darwin

Si parte verso Darwin. A Mamukala una veranda sulla palude offre la visione di una miriade di uccelli. Foto di gruppo davanti ad un termitaio. Sosta obbligata sull'Adelaide River per lo spettacolo dei Jumping Crocodile. Inaspettata anteprima coi serpenti prima di partire con la crociera più naif del Northern Territory ma troviamo davvero una Spectacular Cruise. Sarà una violenza offrire cibo ai coccodrilli ma sono davvero indimenticabili. Grossi, primitivi, crestati, dalla coda imponente, dalle zampe grandi, dallo sguardo preoccupante ma comunque da ricordare. Arriviamo a Darwin all'Esplanade Holiday Inn ed alla sua piscina. Cena di crostacei al Crustaceus sul Strokes Hill Wharf.

Totale Km 297

Tue Sep, 18

DRW/ASP 

Si deve prendere il volo QF1945 per Alice Springs alle ore 07.15. Per essere in aeroporto almeno alle ore 05.45, lasciare l'auto e fare check-in si fissa la sveglia alle ore 05.15.

La maiala viene abbandonata nella stanza d'albergo: siamo tutti più soli.

Totale da Broome a Darwin Km 2.441

 

1 2 3 - Gibb River Road & Kakadu 4 5 6 7